La manutenzione ascensori periodica e delle scale mobili è un’attività essenziale per garantire la loro sicurezza e funzionalità nel tempo. Non tutti i servizi di manutenzione ascensori però sono uguali! Il parco impianti è soggetto ad un piano periodico di manutenzione ascensori ordinaria, regolarmente aggiornato tenendo conto del numero e delle tipologia di interventi effettuati dal servizio di assistenza tecnica in modo da individuare, per ogni singolo impianto, i componenti maggiormente sensibili e/o propensi al guasto ed approntare di conseguenza un piano di manutenzione ascensori mirato e su misura.

La ditta di ascensori Milano svolge una manutenzione ascensori programmata, conservativa e correttiva al fine di assicurare il perfetto e regolare funzionamento di ogni componente dell’ascensore e garantire all’impianto la massima efficienza nel tempo. Per garantire la sicurezza e il buon funzionamento di un ascensore nel corso del tempo, è fondamentale seguire alcune regole base:

  • in edifici condominiali, il responsabile della sicurezza degli ascensori nonché dello svolgimento delle verifiche periodiche a cui deve essere sottoposto l’impianto è l’amministratore
  • affidare a un’azienda specializzata la manutenzione ordinaria da eseguire almeno ogni sei mesi
  • sottoporre ogni due anni l’ascensore a una verifica da parte dell’ASL (che sostituisce il ruolo un tempo svolto dall’ENPI, Ente Nazionale Prevenzione Infortuni) o di una società di certificazione abilitata.

La sua periodicità dipende dal tipo di impianto. Non provvedere correttamente e nei tempi stabiliti per legge alla manutenzione ascensori non solo è un reato punibile ma, soprattutto, costituisce uno dei motivi per cui i rischi di incidente o di disfunzione saranno concreti. In quel caso, per esempio, il dispositivo di sicurezza che blocca l’ascensore farà in modo che le persone siano costrette ad attendere il personale di soccorso. La riparazione o sostituzione dei componenti viene limitata, salvo adeguamenti di legge o improvvisi cedimenti, ai soli componenti di usura dell’impianto, riducendo così l’incidenza di futuri interventi di natura straordinaria, e dei costi conseguenti.